Chi Siamo (Italienisch)

Abolizione delle sanzioni in ‘Hartz IV

La Agen­da 2010 e la con­seguente “nor­ma­ti­va Hartz” riguardano a tut­ti noi diret­ta­mente o indi­ret­ta­mente per la povertà e la pri­vazione dei dirit­ti civili che ne derivano.

Chiedi­amo la abo­lizione di sanzioni incos­ti­tuzion­ali (nº 31 e 32 SGBll) che violano i dirit­ti umani. L’Agenda 2010, e in par­ti­co­lare la nor­ma­ti­va Harz, affet­ta non solo a 10 mil­ioni di vit­time: per la sua forte pres­sione sull’impiego e per le tasse, dis­trugge tut­ti.

I dis­oc­cu­pati saran­no costret­ti a fare lavori pre­cari e cor­si di for­mazione inutili con con­seguen­ze serie per la loro soprav­viven­za. Con paghe mis­ere, le offerte di lavoro insi­cure e tem­po­rali sos­ti­tuiran­no il lavoro ben paga­to.

Politi­ca­mente l’espansione pre­vista del set­tore a bas­sa ret­ribuzione sarà esporta­ta nel resto d’Europa. La Ger­ma­nia sta costrin­gen­do le nazioni come il Por­to­gal­lo, la Spagna o la Gre­cia alla riten­zione del­lo stipen­dio. Ger­ma­nia rac­co­man­da il mod­el­lo di esportazione Hartz IV a tut­ta l’Europa.

Vogliamo abolire Hartz IV (“mod­er­no tipo di servizio per il mer­ca­to del lavoro”)
Chiedi­amo il dirit­to al red­di­to min­i­mo sen­za con­dizioni!